• Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Plus
  • Pinterest
  • Tumblr
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

L’estate in dirittura d’arrivo ha mostrato preoccupanti segnali sul fonte privacy.

Il principale, inquietante aspetto – tipico segnale del doppiopesismo che sta permeando la cultura del nostro Paese – è che il problema, qualunque problema, viene realmente avvertito e compreso solo quando a essere intaccata è la propria sfera personale.

Un limite invalicabile che sembra circondare persone di tutte le età ed estrazione socio-culturale, e che rende impossibile l’immedesimazione, la compassione (cum-patire), lacomprensione.

Ovvio, direte voi, le situazioni si comprendono a fondo solo vivendone il contesto, e da un certo punto di vista credo anch’io sia più facile quando l’approccio è diretto; tuttavia, il ragionamento è leggermente più sottile, e riguarda il riconoscimento dei diritti, che non può non essere generale: il famoso chiunque con cui alcune disposizioni illuminate tendono a sostituire le varie categorie ad excludendum, fino a oggi appannaggio dei principali testi normativi – da cui la previsione di norme preventive, sempre se ha senso parlare di preventivo in un mondo, quello giuridico, che solitamente si muove post factum.

Continua la lettura su My Solution

Share and Enjoy

Grazie!